Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Lunedì 20 Agosto 2018

COLDIRETTI UMBRIA A FIOR DI CACIO PER “I DISTRETTI DEL CIBO”

Promuovere la crescita e il rilancio di filiere e territori anche attraverso l’integrazione delle attività agricole, la qualità e sicurezza delle produzioni locali: sono alcuni degli obiettivi che si propongono i distretti del cibo, rilanciati con decisione dall’ultima Legge di Bilancio. È quanto ricorda Albano Agabiti presidente Coldiretti Umbria, che parteciperà sabato 9 giugno all’incontro a Vallo di Nera, proprio su “I distretti del cibo, nuovi strumenti di valorizzazione del territorio”, in programma alle ore 10,15, presso l’ex convento di Santa Maria, in occasione di “Fior di Cacio 2018”. I distretti del cibo – afferma Agabiti – sono uno strumento utile anche per il rilancio delle aree colpite dal terremoto, le quali non possono prescindere dal connubio economico e sociale rappresentato da agricoltura, ambiente, turismo e cultura. Gran parte dei centri dell’Umbria grazie alle ricchezze culturali, alla bellezza dei paesaggi e alla qualità delle eccellenze agricole – aggiunge Agabiti – sono vocati anche verso un’importante attività turistica, che fa leva sulla capacità di mantenere inalterate le tradizioni, tramite pure l’autenticità del cibo, nelle varie declinazioni delle filiere agroalimentari e l’artigianato locale. Come Coldiretti – sottolinea Agabiti – siamo impegnati nel costruire anche in Umbria un’iniziativa che porti alla creazione di un distretto del cibo fondato sull’integrazione delle varie attività, valorizzando i diversi “saperi” in grado di potenziare le peculiarità locali, a partire proprio dal cibo come strumento fondamentale capace di creare un nuovo sviluppo e di incrementare l’attrattività dell’intero territorio regionale. E proprio la necessità di una ripartenza per le aree direttamente e indirettamente interessate dal terremoto, pone in evidenza l’urgenza di arrivare ad una crescita sostenibile, con un’agricoltura multifunzionale traino anche per turismo e artigianato di qualità. Tutti aspetti e obiettivi decisivi – conclude Agabiti – per il miglioramento dei paesaggi urbani e rurali e per la qualità della vita delle nostre comunità.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Coldiretti Umbria ed è stato inizialmente pubblicato su http://www.umbria.coldiretti.it/coldiretti-umbria-a-fior-di-cacio-per-i-distretti-del-cibo-.aspx?KeyPub=GP_CD_UMBRIA_HOME|CD_UMBRIA_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=119153875. L’emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

Invia una domanda