Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Mercoledì 25 Aprile 2018 Meteo: Meteo

COLDIRETTI UMBRIA A FIOR DI CACIO PER “RIPARTIRE”

Il rilancio delle aree colpite dal terremoto non può prescindere dal connubio economico e sociale rappresentato da agricoltura, ambiente, turismo e cultura, che rappresenta un valore aggiunto per territori feriti ma che resistono con forza e dignità. È quanto afferma Albano Agabiti presidente Coldiretti Umbria che parteciperà domani all’incontro a Vallo di Nera, “La Valnerina della ripartenza”, in programma in occasione della XV edizione di “Fior di Cacio”, la mostra mercato delle produzioni casearie di qualità, dei prodotti tipici locali e dell’artigianato. Aree terremotate che grazie alla bellezza dei paesaggi e alla qualità dell’offerta gastronomica, come quella dei prodotti caseari – aggiunge Agabiti – sono tradizionalmente vocate anche verso un’importante attività turistica, che fa leva sulla capacità di mantenere inalterate le tradizioni e su iniziative culturali e naturalistiche per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti. Ecco che, anche per non far venir meno quell’importante presidio del territorio rappresentato dall’economi agricola, diventa fondamentale riportare le persone in queste zone incentivando pure il turismo e non lesinare sforzi per far ripartire al più presto tutte le attività produttive e l’economia. Sono oltre 3000 le aziende agricole – ricorda Agabiti – presenti nei territori umbri del cratere, caratterizzati da una prevalente economia agricola con una significativa presenza di coltivazioni di pregio e allevamenti che è possibile salvare solo se la ricostruzione andrà di pari passo con la ripresa del lavoro, che in queste zone significa soprattutto cibo e turismo. L’obiettivo e l’auspicio è quindi quello di rilanciare questi territori, puntando anche sulle tante eccellenze agroalimentari evitando così l’abbandono delle campagne duramente colpite. In quest’ottica – conclude Coldiretti – acquista rilievo, nel corso della due giorni, anche la presenza di imprenditori agricoli del Trentino, con cui sarà possibile scambiare positive esperienze per sostenere lo sforzo di rilancio e sviluppo del territorio.

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Coldiretti Umbria ed è stato inizialmente pubblicato su http://www.umbria.coldiretti.it/coldiretti-umbria-a-fior-di-cacio-per-ripartire-.aspx?KeyPub=GP_CD_UMBRIA_HOME|CD_UMBRIA_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=106257048. L’emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

Invia una domanda