Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Martedì 23 Gennaio 2018 Meteo: Meteo

“GESTIONE DEL TERRITORIO E ATC”. Manifesto della Coldiretti Umbria in 10 punti.

Coldiretti Umbria ha inviato alla Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, al Presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi e all’Assessore regionale all’Agricoltura Fernanda Cecchini, un Manifesto articolato in dieci punti sulla gestione del territorio e degli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC).
L’obiettivo principale – spiega Coldiretti – è quello di esporre la posizione e le richieste del settore agricolo, riguardo ad alcune problematiche che da anni interessano molto da vicino gli imprenditori agricoli.
Il Manifesto – afferma Coldiretti – riveste tra l’altro una particolare attualità in quanto affronta il tema della riorganizzazione degli ATC. Infatti esso – aggiunge Coldiretti – in tre distinte sezioni, si occupa dell’annoso problema dei danni causati dalla fauna selvatica all’agricoltura, della gestione del territorio in rapporto con la funzione essenziale svolta dall’imprenditore agricolo per il suo equilibrio e appunto del riassetto degli ATC.
Riguardo al primo argomento – all’interno del documento della Coldiretti – si sottolinea tra l’altro la necessità di intensificare gli abbattimenti delle specie animali dannose, in particolare dei cinghiali, sollecitando anche soluzioni per i problemi causati agli allevamenti da cani inselvatichiti e lupi. Il tutto – sostiene Coldiretti – per non far ricadere sulle aziende agricole queste problematiche, che oltre a gravare sui loro bilanci, generano anche costi notevoli per la pubblica amministrazione.
In riferimento alla gestione del territorio Coldiretti auspica nel documento, di valorizzare innanzitutto il ruolo multifunzionale dell’imprenditore agricolo, mentre sul riassetto degli ATC, l’Organizzazione Agricola continua a sostenere la necessità di realizzare un Unico Organismo Regionale in sostituzione degli attuali tre, coadiuvato sul piano operativo da Unità Territoriali contraddistinte da una razionalizzazione economica-gestionale.
Sempre sugli ATC infine, Coldiretti, stigmatizzando la situazione di stallo venutasi a creare in merito al rinnovo degli organi negli Ambiti 1 e 2, chiede all’Amministrazione provinciale di Perugia, in questa fase transitoria che precede la nuova legge regionale di riordino, di nominare i presidenti degli Ambiti Territoriali di Caccia, tra i rappresentanti istituzionali all’interno dei comitati di gestione.

Invia una domanda